gir-agir-bgir-csupercoppacopitaberrettialbo
LA STORIA

Lega Pro fu istituita nella stagione sportiva 1935-36, a continuazione di una riforma dei campionati nazionali iniziata nel 1929 con la creazione del girone unico nazionale per le prime due divisioni, denominate Serie A e Serie B.
Inizialmente fu costituita da 4 gironi da 16 squadre suddivise su base geografica, che diventarono 5 dall’anno successivo per riportare la serie cadetta a 18 squadre. Nel 1938 i gironi, formati da un numero variabile (da 11 a 14 squadre), diventarono ben 8 e fu perciò necessario il ricorso a due gironi di finale affinché le vincitrici dei gironi si contendessero i quattro posti per la promozione.
La formula rimase immutata fino al 1942 (con l’unica nota che quasi tutti i gironi furono portati allo standard di 16 squadre), quando i gironi diventarono 12, sempre con quattro promozioni determinate da due gironi di finale.

Allargamento del dopoguerra

Dopo la Seconda Guerra Mondiale vi fu una situazione anomala per il campionato 1945-46 che portò alla suddivisione in Lega Nord (campionato misto B-C con 9 gironi) e Lega Sud (campionato di serie C a 6 gironi), con una lunga serie di spareggi per la determinazione delle promozioni.

Dal campionato successivo vi fu anche l’introduzione della Lega Centro, forte di 6 gironi, con la Lega Sud ridotta a 3 mentre quella Nord sempre a 9. Il record di gironi si toccò però nel campionato 1947-48, con l’introduzione di un terzo girone al Sud per un totale di 18 gironi di terza serie composta da 284 squadre.

Riorganizzazione in 4 gironi
Nel 1948 vi fu una riforma della Serie C portata alla formula originaria dei quattro gironi su base interregionale, che raccoglieva le squadre in questa maniera: Girone A: Nord-Ovest, Girone B: Nord-Est, Girone C: Centro e Sardegna, Girone D: Sud e Sicilia Le vincitrici di ciascuno di questi gironi erano promosse in Serie B.

Unificazione della Serie C
Nel 1952 vi fu l’unificazione dei quattro gironi in un unico campionato di terza divisione con due promozioni ai cadetti e quattro retrocessioni in IV Serie,con un numero di squadre che si attestò a 18 in maniera continuativa.
Unica anomalia fu la riduzione a tre delle promozioni del 1957, mentre nel 1958 vennero solo promosse 2 squadre senza alcuna retrocessione per l’ennesima riforma.

Passaggio alla formula a tre gironi
A partire dal 1958 si tornò ad una formula a più gironi raccogliendo le 16 squadre che avevano disputato la Serie C in quell’anno e 23 dalla IV Serie, per un totale di 39 squadre che furono suddivise in un girone da 21 squadre al Nord e uno da 18 al Centro-Sud.
Nel 1959 vi furono così due promozioni e nessuna retrocessione, dalla B arrivarono due squadre e 8 furono promosse dalla IV Serie, che diventò poi Serie D, più altre 7 ripescate a completamento dei quadri. Il campionato di Serie C assumeva così la sua forma in tre gironi ciascuno di 18 squadre per un totale di 54 compagini di terza serie. Da questo momento, la storia del torneo sarà ricchissima di modifiche e ritocchi, che hanno avuto un notevole influsso, spesso anche radicale, sulla sua composizione. Per la stagione 1959-60, dunque, si costituì la Lega Nazionale Semiprofessionisti, con sede a Firenze, che aveva il compito di riorganizzare e armonizzare i campionati di Serie C e Serie D (ex IV Serie).

Ogni girone promuoveva una squadra in Serie B e ne retrocedeva 2 in Serie D (3 a partire dal 1968, in seguito all’allargamento dei quadri a 60 squadre).
La prima modifica avvenne nel 1967-68: la Serie C venne allargata a 60 squadre, suddivise in tre gironi da venti squadre ciascuno. Il meccanismo per le promozioni restò però invariato.

La divisione in due serie
La Serie C scomparve come campionato unico nel 1978, quando fu divisa in due serie successive: Campionato di Serie C1 a due gironi;
Campionato di Serie C2 a quattro gironi, ridotti a tre solo nella stagione 1990-91. Il campionato del 1977-78 vide l’assegnamento alle divisioni secondo la classifica di ciascuno girone: la prima classificata dei tre gironi fu promossa in Serie B; le classificate dal secondo al dodicesimo posto diedero vita al campionato di Serie C1 insieme alle tre retrocesse di Serie B (totale 36 squadre in due gironi da 18); le classificate dal tredicesimo al ventesimo diedero invece vita al campionato di Serie C2 insieme alle squadre promosse dalla Serie D (totale 72 squadre in quattro gironi da 18).

Il cambio di nome
Nella stagione 1981-82 la “Lega Nazionale Semiprofessionisti” divenne “Lega Nazionale di Serie C”, denominazione che conservò fino alla stagione 1986-87 quando prese il nome di “Lega Professionisti Serie C”, nome che conserva tuttora. Nella stagione 1992-93 si arrivò a due giorni di 18 squadre per la C1 (A e B) e tre gironi da 18 per la C2 (A, B e C), per un totale di 90 squadre.

19 giugno 2008 La Lega Professionisti Serie C diventa Lega Pro.

 

La Lega Italiana Calcio Professionistico associa in forma privatistica le società affiliate alla F.I.G.C. che partecipano ai Campionati di Lega Pro e che, a tal fine, si avvalgono delle prestazioni di calciatori professionisti. La Lega Pro, quale associazione di società, affiliata alla F.I.G.C., agisce altresì nell’ambito delle funzioni ad essa demandate dallo Statuto e dalle norme federali. Essa, per il raggiungimento delle proprie finalità, gode di autonomia organizzativa ed amministrativa e, con funzioni rappresentative delle società associate, svolge tutti i compiti e le attribuzioni conseguenti, salvo quelli che, per disposizioni di legge, di Statuto Federale o contenute nelle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C., sono di competenza di quest’ultima.

In particolare, la Lega PRO:
1. stabilisce i calendari delle competizioni ufficiali e fissa date ed orari;
2. regolamenta, per la tutela della regolarità tecnica e disciplinare delle competizioni e per motivi connessi alla sicurezza, le modalità di accesso di operatori e radio-cronisti negli spazi soggetti ai poteri degli ufficiali di gara;
3. regolamenta, per la tutela della regolarità tecnica e disciplinare delle competizioni e per motivi connessi alla sicurezza, i rapporti fra le società e i mezzi di informazione per il solo esercizio del diritto di cronaca radiofonica e televisiva e per assicurare le modalità di accesso in conformità alle vigenti leggi;
4. assicura la distribuzione interna delle risorse finanziarie;
5. definisce, d’intesa con le categorie interessate, i limiti assicurativi contro i rischi a favore dei tesserati e le eventuali altre forme assicurative, anche integrative, e formula pareri sui trattamenti pensionistici degli stessi;
6. rappresenta le società nella stipula degli accordi di lavoro e nella predisposizione dei relativi contratti-tipo;
7. rappresenta, su delega specifica rilasciata per ogni singolo contratto e da ogni singola società, le società che partecipano.

La Lega Italiana Calcio Professionistico è rappresentata da 60 città, che riassumono una grande parte della storia d’Italia, dei comuni delle province e delle regioni, ovvero tutto il reticolo che tiene unito, sviluppa e crea innovazioni a livello di Paese.
Il suo fortissimo radicamento territoriale, insieme alla sua capacità di gestire efficacemente rapporti e relazioni con tutti gli interlocutori (Aziende, Enti, Istituzioni ecc.) rappresentano una grossa opportunità per attrarre investimenti.

Il campionato Lega Pro rappresenta il più grande campionato professionistico di calcio del mondo.
Costituisce una rete presente e attiva in modo capillare su tutto il territorio italiano,
offrendo sempre maggiori eventi, grandi numeri, in termini di bacino di praticanti,
appassionati, spettatori e partner commerciali.


Un paese pazzo per il calcio
Il calcio è lo sport nazionale italiano, il più diffuso su ogni fascia di popolazione, il più coperto dai media, il più visto in televisione, sia in Italia che nel mondo
20 gli eventi televisivi più visti nella storia della TV Italiana sono partite di calcio
44 milioni di italiani si dichiarano appassionati di calcio
31 milioni di italiani si dichiarano tifosi di una squadra di calcio
20 milioni dichiarano di seguire ogni settimana il calcio in Tv
14 milioni di italiani allo stadio
9 milioni i lettori di quotidiani sportivi
4 milioni i praticanti regolari
1,4 milioni di tesserati FIGC, 700.000 partite ufficiali
14.380 società calcistiche, 53.000 squadre
Le partite del campionato italiano sono le più viste all’estero (audience 200 mln)
Tutta la serie A è trasmessa dalla Tv Pubblica cinese a circa 80 milioni di utenti
3.000 ore di programmazione tv, 1.500 ore di diretta
In Italia il valore medio di sponsorizzazione ufficiale di una società di calcio di serie A è di circa 5 milioni di euro annui.

Dati su gare 2010-2011
CAMPIONATO LEGA PRO 1^ DIV. 612
CAMPIONATO LEGA PRO 2^ DIV. 752
TOTALE CAMPIONATO 1.364

PLAY OFF-OUT LEGA PRO 1^ DIV. 20
PLAY OFF-OUT LEGA PRO 2^ DIV. 24
TOTALE PLAY OFF-OUT 44
da fine maggio per quattro domeniche

SUPERCOPPA LEGA PRO 1^ DIV. 2
SUPERCOPPA LEGA PRO 2^ DIV. 3
TOTALE SUPERCOPPA 5

COPPA ITAL IA LEGA PRO
FASE ELIMINATORIA 123
FASE FINALE 54
TOTALE COPPA ITALIA LEGA PRO 177

CAMPIONATO BERRETTI
FASE ELIMINATORIA 1.320
FASE FINALE 40
TOTALE CAMPIONATO BERRETTI 1.360
TOTALE GARE LEGA PRO 2.950

GARE RAPPRESENTATIVA 2010-2011
DI CUI DA POTER SFRUTTARE SONO
ALLENAMENTI 2
QUADRANGOLARE 5
TOTALE ALL. E AMICHEVOLI RAPP. 7

 

LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO
P.I. 03974420485 via Jacopo da Diacceto 19
50123 Firenze - Tel 055/323741 - Fax 055/367477
segreteria@lega-pro.com

 

 

 

 

 

 

  sponsor05